«

»

Dec
28

Osano le aquile, si nascondono gli azzurri

Il più veloce nella seconda prova cronometrata della classica discesa libera sulla Stelvio è Klaus Kroell. L’austriaco, che aveva concluso al secondo posto nel 2008, ha tagliato il traguardo in 2:01.56, staccando di cinquantotto centesimi il connazionale Mario Scheiber e di settanta centesimi lo svizzero Didier Cuche.

L’altro austriaco fra i primi dieci, Michael Walchhofer, due volte vincitore in Coppa del Mondo a Bormio, ha fatto registrare il sesto miglior tempo, concludendo a 1.52 da Kroell, e confermandosi uno dei maggiori favoriti nella gara di domani mattina. Quarto l’americano Bode Miller, che ha concluso in 2:02.41, mentre lo sloveno Andrej Jerman si ferma all’ottavo posto, con 2:03.19.

Il migliore degli italiani si è dimostrato Stefan Thanei che ha fatto registrare un promettente quinto posto, terminando a 1.41 dal primo classificato. Mentre hanno risparmiato forze ed energie sia Christof Innerhofer (che dopo il miglior tempo di ieri ha concluso trentaquattresimo in 2:0487) che Peter Fill, quarantunesimo.

Questi gli altri azzurri: Dominik Paris (15esimo), Siegmar Klotz (23esimo), Andy Plank (31esimo), Silvano Varettoni (36esimo), Hagen Patscheider (38esimo), Mattia Casse (48esimo), Werner Heel (50esimo), Patrick Staudacher (59esimo). Non ha preso il via invece Matteo Marsaglia.

In fase di accertamento all’ospedale di Sondalo le condizioni di salute dei due sciatori caduti in prova, entrambi nel canalino Sertorelli: lo statunitense Marco Sullivan (sceso con il pettorale numero 1) e il canadese Louis-Pierre Helie.

Le dichiarazioni degli atleti al parterre

 Klaus Kroell (AUT):

«Ieri, nella prima prova, non mi sentivo troppo a mio agio, perché durante la ricognizione non mi ero accorto di quanto la pista fosse ondulata. Oggi, invece, ho cambiato atteggiamento e mi pare di aver trovato un ottimo compromesso. Didier Cuche appena arrivato al traguardo e ha visto il mio tempo mi è venuto incontro dicendomi: “Sei tu il favorito!” Ovviamente, il mio amico svizzero gioca a nascondersi, e penso che invece sia lui uno dei tre grandi favoriti della gara. Il mio numero uno è Innerhofer, oggi ha fatto una prova tattica, ma ha dimostrato di essere velocissimo, soprattutto in alto. E con lui tra i vincitori possibili vedo il mio compagno di squadra Walchhofer. La Stelvio è la pista più difficile al mondo, a me piace così com’è, con il suo ghiaccio, le sue ondulazioni e tutto il resto. Mi piacerebbe vincere in discesa, perché a vincere qui, su questa pista, sono i migliori del mondo.»

Christof Innerhofer (ITA):

«Nella seconda prova ho preferito non forzare troppo e risparmiare energie per domani, anche se sono partito veloce, e per un tratto sono stato in testa. Ne ho approfittato per provare una linea diversa lungo la Carcentina. Ma la strategia mi è chiara, è tutto a posto, e la pista mi piace, ho dei bei ricordi qui. Domani gareggio per vincere.»

Peter Fill (ITA):

«Non ho speso molto, ma va bene così, perché la pista è difficile, in alcuni tratti sbatte un po’, ed è meglio non affaticarsi. In gara ce la metterò tutta, ci spero molto.»

 Seconda prova cronometrata: i migliori tempi

1 KROELL Klaus 1980 AUT 2:01.56
2 SCHEIBER Mario 1983 AUT 2:02.14
3 CUCHE Didier 1974 SUI 2:02.26
4 MILLER Bode 1977 USA 2:02.41
5 THANEI Stefan 1981 ITA 2:02.97
6 WALCHHOFER Michael 1975 AUT 2:03.08
7 DIXON Robbie 1985 CAN 2:03.16
8 JERMAN Andrej 1978 SLO 2:03.19
9 SVINDAL Aksel Lund 1982 NOR 2:03.38
9 KEPPLER Stephan 1983 GER 2:03.38
  • Questo sito utilizza cookies, clicca su OK per acconsentire
  • OK
  • Leggi di più