«

»

Dec
29

Paris-Reichelt: duopolio austroitaliano a Bormio. Una discesa da brividi

Accade l’incredibile sulla Stelvio. E dagli spalti affollati di tifosi e appassionati è tutto un urlare, un boato continuo, un susseguirsi di emozioni da cardiopalmo. Finisce con un ex aequo, e quattro atleti che tagliano il traguardo distanziati da appena due centesimi. Meno di un soffio! Ma per la prima mezzora l’Italia sportiva sogna. Sogna la tripletta. Tre italiani sul podio! Roba dell’altro mondo. La realtà sarà diversa. Ma sarà ugualmente imprevedibile, ugualmente sorprendente.

È Dominik Paris a spuntarla in 1’58″62 assieme all’austriaco Hannes Reichelt. L’altoatesino, ventitré anni, è alla sua prima vittoria in Coppa del Mondo. Ha fatto una gara perfetta, spingendo dal primo all’ultimo metro. E resistendo all’attacco serrato di una volpe come Reichelt, anche lui alla prima vittoria in discesa ma che proprio qui, a Bormio, alle Finali del 2008, mise a segno il colpo grosso: s’aggiudicò a sorpresa il titolo di specialità in supergigante strappandolo a Didier Cuche che partiva con un vantaggio all’apparenza incolmabile.

Dietro Paris e Reichelt, ferma il cronometro a un solo centesimo il norvegese Aksel Lund Svindal, che guida la classifica di Coppa del Mondo. A due centesimi un altro austriaco: Klaus Kröll, detentore uscente del titolo di campione di specialità in Coppa.

La Stelvio conferma le buone condizioni dei velocisti italiani, già affiorare nei training dei giorni scorsi. La squadra azzurra c’è, ha lavorato bene, è pronta, è competitiva, ha voglia di vincere e mettersi in luce. La controprova viene dal buon piazzamento anche degli altri ragazzi: il sorprendente Werner Heel che chiude una discesa spettacolare al sesto posto, Christof Innerhofer nono a sessantasette centesimi d Peter Fill undicesimo.

– QUOTES -

HANNES REICHELT

Dopo la gara “I felt confident. I had to change a few things in the past few days but today’s victory, wow, it’s so wonderful! I won the SG Finals here in 2008 and love the slope.”
Press Conference “This DH race is special for me and this victory is very important. I wasn’t expecting the podium. I was really surprised. I started the season in a bad way but I did technique training on Christmas time and looks like it’s OK now.”

DOMINIK PARIS

Dopo la gara: “La mia prima volta qui sulla Stelvio è stata come apripista e ho preso 14 secondi da Innerhofer! Ho però capito subito che era la mia pista e vincere qui è magnifico perchè è la mia pista preferita. Ho sciato al massimo, ho rischiato al vita (ridendo!) ma la soddisfazione di essere davanti è davvero grandissima. Mi diverto e continuo a farlo, perché lo sci è divertimento.”
Press conference: “E’ una giornata molto bella, la mia prima vittoria in Coppa del Mondo e per di più qui a casa, in Italia, e con materiali italiani. L’esperienza conta tanto, specialmente nella discesa libera, se ne hai sei più sicuro ma se scii bene…beh, devi essere un po’ pazzo ma ce la puoi fare. L’esperienza degli altri, come quella di Inner e Marsaglia, è utile e in ogni caso sono migliorato dallo scorso anno. Questa vittoria conta tantissimo…ma il percorso va avanti, voglio riuscire a mantenermi al livello dei migliori e continuare a migliorarmi.
Conta tantissimo anche lo spirito che si respira nel team. Abbiamo due nuovi allenatori e questo è buono e con i miei compagni sto bene, ci supportiamo molto…è fondamentale.”

AKSEL LUND SVINDAL

Press Conference: Bormio is a classic. If you win in Bormio there is no reason why you shouldn’t be able to win elsewhere. I’m 3rd and I’m happy with that. The snow and the slope were perfect today. I made mistakes in the last part, it’s always a very tough race. Yesterday I decided to rest and I did the right thing because it led to today’s result.”

KLAUS KROELL

Dopo la gara: “I can’t believe it..I was confident. I lost the line…not funny.”

WERNER HEEL

Dopo la gara: Sono contento ma ho trovato la pista molto più mossa, il freddo l’ha cambiata rispetto a ieri. Aspettare in partenza? Non mi ha influenzato, ho sciato tranquillo. Non mi aspettavo di più da questa gara, sono molto soddisfatto, mi sono divertito un sacco e sono pronto per le prossime competizioni. Vorrei ringraziare gli ski-men, i materiali sono davvero competitivi e i risultati parlano chiaro.

ORDINE DI ARRIVO – DISCESA LIBERA

1. Dominik Paris ITA 1’58″62
1. Hannes Reichelt AUT 1’58″62
3. Aksel Lund Svindal NOR +0″01
4. Klaus Kroell AUT +0″02
5. Johan Clarey FRA +0″32
6. Werner Heel ITA +0″42
7. Travis Ganong USA +0″49
8. Romed Baumann AUT +0″66
9. Christof Innerhofer ITA +0″67
10. Adrien Theaux FRA +0″70

gli altri Italiani

11. Peter Fill ITA +0″99
31. Siegmar KLOTZ +2″44
34. Matteo MARSAGLIA +2″92
34. Silvano VARETTONI +2″92
44. Paolo PANGRAZZI +5″70

  • Questo sito utilizza cookies, clicca su OK per acconsentire
  • OK
  • Leggi di più